“Tra-dwa-fom-oga”, Ri-Costruire Haiti, Decent Work per una ricostruzione dignitosa

SETTORE D’INTERVENTO: Sviluppo socioeconomico, Dialogo Sociale, Capacity building e Formazione professionale


AREA GEOGRAFICA: America Latina (Haiti)

BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Il progetto punta a migliorare le condizioni lavorative e di vita dei lavoratori dell’economia informale di Haiti, supportandone l’accesso ai sistemi di protezione sociale, rafforzando il dialogo sociale e le organizzazioni di rappresentanza dei lavoratori, sostenendo la creazione di posti e condizioni di lavoro dignitosi (decent work) attraverso attività di formazione tecnica e professionale e appoggiando il microcredito per favorire l’inserimento lavorativo e l’aumento del reddito.

OBIETTIVI: L´obiettivo generale é: “Contribuire al miglioramento delle condizioni socioeconomiche delle lavoratrici e dei lavoratori haitiani promuovendo la generazione di capitale umano e sociale con una particolare considerazione per la popolazione femminile, i giovani e i lavoratori migranti haitiani”. Il progetto intende promuovere un processo di trasformazione economica e di sviluppo organizzativo ponendosi come obiettivo la riduzione della povertà. La trasformazione economica mira a collegare, in maniera competitiva e sostenibile, l’economia territoriale a mercati dinamici. Lo sviluppo organizzativo vuole, invece, stimolare e facilitare l’interazione e la concertazione degli attori locali tra loro e con gli agenti esterni rilevanti, incrementando le opportunità offerte e quindi la partecipazione della popolazione al processo di crescita e ai suoi benefici. Si vuole contribuire al miglioramento delle condizioni socioeconomiche dei lavoratori haitiani promuovendo la generazione di capitale umano e sociale, con una particolare considerazione per la popolazione femminile, i giovani e i lavoratori migranti haitiani. Si intende far ciò tramite il consolidamento di un modello di formazione professionale e tecnica che sia adeguato al mercato del lavoro e il rafforzamento di un modello organizzativo e gestionale che permetta di incrementare un’equa redditività del lavoro generando possibilità di impiego qualificato nel rispetto delle norme internazionali sul lavoro dignitoso.

ATTIVITÀ: 

  • Ristrutturare, equipaggiare e attivare laboratori didattici per la formazione professionale ed organizzare un sistema di raccolta e diffusione dati finalizzato a far incontrare domanda ed offerta del mercato del lavoro locale.
  • Realizzare un programma di formazione, aggiornamento e riqualificazione per formatori.
  • Creare uno sportello per l’impiego che favorisca l’inserimento lavorativo.
  • Favorire il miglioramento delle condizioni di lavoro attraverso il dialogo sociale tripartito (governo, imprese, sindacati) sul tema della salute e della sicurezza.
  • Organizzare e gestire servizi di assistenza legale, gestionale e fiscale per il supporto delle attività microimprenditoriali del settore informale nei settori del commercio, dei trasporti, dei servizi e delle costruzioni.
  • Fornire fondi di microcredito per lo sviluppo alle organizzazioni di microimprenditori/trici.
  • Rafforzare le capacità organizzative, gestionali ed amministrative delle organizzazioni dei lavoratori e dell’economia informale.
  • Supportare la partecipazione dei lavoratori dell’economia informale al sistema di Protezione e Sicurezza Sociale e aumentare il rispetto delle norme su Diritto del Lavoro, Salute e Sicurezza del Lavoro, occupazione femminile e Diritti dei Migranti.

RISULTATI:

  • Adeguato il sistema di formazione professionale alla domanda del mercato del lavoro.
  • Personale qualificato inserito nel mondo del lavoro in modo duraturo.
  • Aumentato capitale sociale ed umano.
  • Aumentata la redditività del lavoro.
  • Aumentata l’integrazione economica orizzontale e verticale delle microimprese.
  • Aumentate le organizzazioni di lavoratori formate e registrate e la presenza documentata di lavoratori nei registri delle autorità istituzionali.
  • Rafforzati i processi democratici e di dialogo sociale.
  • Aumento della sicurezza per i lavoratori dell’economia informale e della stabilizzazione dell´impiego.

PARTNERSHIP: Capofila: IsI (Istituto Sindacale per la cooperazione Internazionale) Onlus, conformata dalle ONG sindacali Progetto Sviluppo, ISCOS, Progetto Sud. Partner: CSA (Confederación Sindical de las Americas), Consiglio Provinciale dei Salesiani di Haiti, in collaborazione con le confederazioni Dominicane CASC, CNUS e CNTD.

PERIODO/DURATA: 2011 – 2013 (24 mesi)

DONOR: Comitato Haiti (Confindustria, CGIL, CISL, UIL)

Progetti

 

IN EVIDENZA

Corso di formazione “Cooperazione allo sviluppo: tecniche e metodologie di progettazione e gestione”
22 Settembre 2021

Corso di formazione “Cooperazione allo sviluppo: tecniche e metodologie di progettazione e gestione”

Sono aperte le iscrizioni per il corso di formazione “Cooperazione allo sviluppo: tecniche e metodologie di progettazione e gestione”, condotto da Progetto Sud in collaborazione con ALDA+.

Senegal: Consegna di materiali e attrezzature per l’allestimento delle isole ecologiche nelle scuole beneficiarie del progetto “Ècole Durable a Thiès e Ngaparou”
26 Luglio 2021

Senegal: Consegna di materiali e attrezzature per l’allestimento delle isole ecologiche nelle scuole beneficiarie del progetto “Ècole Durable a Thiès e Ngaparou”

Grazie al contributo dell’Otto per Mille Valdese (www.ottopermillevaldese.org) e alla collaborazione con i nostri partner Africa Clean Onlus e Confédération des Syndicats Autonomes du Sénég...

Campagna per il riconoscimento dello Stato di Palestina
30 Giugno 2021

Campagna per il riconoscimento dello Stato di Palestina

Progetto SUD sostiene l’appello lanciato da SOLIDAR e da altri membri della società civile e delle organizzazioni sindacali europee, israeliane e palestinesi, affinché l'Unione Europea, i s...