Prevenzione e riabilitazione integrale delle persone e dei familiari vittime di tortura in Colombia ed Ecuador

SETTORE D’INTERVENTO: Diritti Umani

AREA GEOGRAFICA: America Latina (Colombia, Ecuador)

BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Il progetto mira ad offrire supporto, assistenza e terapia psicosociale, in un’ottica di riabilitazione, alle vittime di tortura e violenza politica scaturite dal conflitto armato interno colombiano, al fine di ridurne gli effetti traumatici, permettendo il loro reinserimento attivo in società, contribuendo in tal modo al rafforzamento delle reti locali e della coesione sociale. L’azione si concentra nelle regioni di Arauca, Cauca, Norte de Santander, Catatumbo, Nariño, Bogotá (Colombia), e nella provincia di Esmeraldas, nei cantoni di Rìoverde, Eloy Alfaro e San Lorenzo (Ecuador, zona di frontiera), ed ha alla base il rafforzamento del CAPS (ente capofila del progetto), la formazione di una rete di operatori psicosociali e il coinvolgimento delle comunità locali. La cura alle specifiche condizioni socioculturali dei destinatari e dei beneficiari del progetto viene garantita da una strategia di supporto di tipo olistico e bioenergetico.

OBIETTIVI: ● Realizzare un’opera di prevenzione, sensibilizzazione, supporto e riabilitazione delle vittime di tortura e violenza, al fine del loro reinserimento attivo nella società, migliorandone la qualità di vita.  ● Organizzare la formazione nell’ambito del sostegno psicosociale, permettendo di replicarne l’offerta sul territorio ad opera di rappresentanti delle comunità locali. ● Gestire un’azione di sensibilizzazione che favorisca una presa di coscienza sulla necessità di realizzare azioni di prevenzione contro violenze future e che, rivolta alle autorità nazionali, sostenga il riconoscimento delle vittime come soggetti di diritto, oltre che la lotta contro l’impunità: in tal modo si contribuirà alla ricostruzione del tessuto sociale e, in generale, al rafforzamento della democrazia e alla difesa dei diritti umani.

ATTIVITÀ: 

  • Organizzazione di visite mediche, consulenze psicologiche e incontri di psicoterapia individuali, familiari e/o di gruppo e provvedere al sostegno e all’accompagnamento psicosociale delle vittime di tortura in luoghi o situazioni che possano richiamare alla mente gli abusi subiti.
  • Formazione di operatori psicosociali, selezionandoli tra i rappresentanti delle organizzazioni e dei beneficiari locali a cui si rivolge il progetto.
  • Selezione casi legali e provvedere alla relativa assistenza delle vittime e dei loro familiari nel percorso giuridico.
  • Sensibilizzazione finalizzata alla prevenzione di tortura e violenza.
  • Rafforzare reti internazionali del CAPS nel sostegno psicosociale alle vittime.

RISULTATI:

  • Organizzati ed erogati servizi di riabilitazione ed accompagnamento psicosociale rivolto alla popolazione vittima di tortura.
  • Formati gli operatori psicosociali locali per la riproduzione, sul territorio, delle esperienze di sostegno psicosociale.
  • Fornita consulenza ed assistenza legale alle vittime di casi di tortura fisica e/o psicologica a livello individuale, familiare e/o comunitario.
  • Realizzata campagna di sensibilizzazione sulla tortura e sulle violenze attraverso incontri, seminari e conferenze rivolte alla società civile.
  • Rafforzati i legami del CAPS tramite l’adesione a reti internazionali di sostegno alle vittime e la condivisione di esperienze con centri internazionali di supporto psicosociale.
  • Redazione di bollettini informativi contenenti informazioni sul progetto, sulla problematica della tortura, sul sostegno psicosociale e testimonianze dei beneficiari delle attività.

PARTNERSHIP: Capofila: CAPS (Corporación Centro de Atención Psicosocial). Partner: Progetto Sud, Asociación para la Promoción Social Alternativa – MINGA.

PERIODO/DURATA: 2013 - 2016 (36 mesi)

DONOR: Commissione Europea – EIDHR (Strumento Europeo per la Democrazia e I Diritti Umani)

 

Primo piano

Eritrea – Newsletter n. 2 “Dialogare, formare, contrattare: il lavoro come strumento di pace”
02 Luglio 2020

Eritrea – Newsletter n. 2 “Dialogare, formare, contrattare: il lavoro come strumento di pace”

Progetto Sud è lieta di condividere la seconda Newsletter del progetto “Dialogare, formare, contrattare: il lavoro come strumento di pace” in Eritrea, finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) – Sede di Khartoum, con capofila Nexus - Solidarietà Internazionale Emili...

Eritrea – Newsletter n. 1 “Dialogare, formare, contrattare: il lavoro come strumento di pace”
02 Luglio 2020

Eritrea – Newsletter n. 1 “Dialogare, formare, contrattare: il lavoro come strumento di pace”

Progetto Sud è lieta di condividere la prima Newsletter del progetto “Dialogare, formare, contrattare: il lavoro come strumento di pace” in Eritrea, finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) – Sede di Khartoum, con capofila Nexus - Solidarietà Internazionale Emilia...